martedì 10 giugno 2014

#Cilento: Agnone Marina

La prima volta ad Agnone eravamo solo io e Cary Grant. Era l’estate scorsa e noi eravamo a bordo della nostra Fiat 500 col tettuccio aperto, senza una meta precisa. Girovagavamo all’avanscoperta dei diversi paesaggi cilentani: prima San Mauro Cilento, poi Acciaroli, quindi Agnone. Alloggiavamo in un semplice b&b circondati da stelle e cicale. Non avevamo ancora idea che di lì ad un anno ci saremmo tornati in 3 a bordo di una macchina familiare, con tanto di sediolino porta bebè, ma con la stessa voglia di esplorare e scoprire.




La vita cambia, l’importante è preservare sempre due cose: le proprie radici, per non dimenticare mai da dove si viene, e i propri sogni, per ricordare sempre dove si vuole andare (e questa cosa qui non l’ho copiata da nessuna parte: è il frutto della mia piccola e semplice esperienza di vita).


E’ la nostra prima estate con Ninni, lei cresce a vista d’occhio e in noi cresce la voglia di vivere le prime esperienze assieme a lei: il primo bagnetto a mare, la prima passeggiata in spiaggia, il primo sole sulla pelle e, perché no, le prime sveglie all’alba per garantirle il “sole migliore”.

Alloggiamo in un b&b comodissimo sia per il rapporto qualità prezzo, che per la sua posizione e ci serviamo della spiaggia libera per tutte le nostre prime esperienze con la piccola. Devo dire che la comodità di avere un albergo praticamente in spiaggia è senza pari: io e Cary facevamo a turno per scendere la bimba negli orari migliori (dalle 8:00 alle 11:00 e dalle 16:30 alle 18:30), così se uno dei due voleva restare più tempo in spiaggia per la tintarella o per un bagno, l’altro saliva in camera con la piccola.





Agnone è una piccola frazione del comune di Montecorice,  poco distante dalle più note Acciaroli e Santa Maria di Castellabate. Da diversi anni è certificata “Bandiera Blu” per le sue acque cristalline e per la sua posizione strategica nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Gode di un turismo tranquillo, familiare, di una bella spiaggia di ciottoli, di un porticciolo in via di sviluppo e di ristorantini tipici davvero ottimi (e per niente cari).



Negli ultimi tempi siamo sempre più alla ricerca di posti semplici e veraci e questo piccolo borgo ci ha conquistati proprio per queste caratteristiche. Se vi trovate da queste parti non potete lasciarvelo scappare.





Dopo il successo dei racconti dell’anno scorso (che potete leggere qui, qui e anche qui), continuano i miei racconti sul Cilento. Seguite l’hastag #Cilento e troverete foto, notizie e tips utili su questa fantastica terra.


A presto!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...